Consenso privacy
 
Home
|
Chi siamo
|
Prodotti
|
Informazioni
|
Biblioteca
|
Articoli
|
Erbario
|
Condizioni di vendita
|
Cestino
|
Cerca
|
Contatti
 
Dalla Newsletter del Dicembre 2006
Tutti i nostri articoli
Versione stampabile

LUTEINA E ZEAXANTINA: GLI ANTIOSSIDANTI PER IL BENESSERE DEGLI OCCHI


Antiossidanti per il benessere degli occhiQuesto mese vorrei trattare un tema concernente la salute degli occhi, alla luce di nuove ricerche condotte sugli antiossidanti che possono proteggere la vista, preservando il nostro organo visivo dalle possibili degenerazioni legate all'età e dai danni derivati dall'ambiente.
Conosciamo dunque meglio i nostri occhi e cerchiamo di evitare l'effetto dannoso che alcuni nostri comportamenti possono provocare.

L'occhio è costantemente sottoposto a numerosi stress e danni da parte dell'ambiente circostante. Il primo stress che il nostro occhio subisce è proprio legato alla sua funzione: è infatti esposto alla luce ed alle radiazioni solari. Per svolgere la sua funzione visiva, l'occhio ha necessità di nutrienti, vitamine e pigmenti, che permettono di rigenerare i suoi fotorecettori (dal greco fotòs = luce e dal latino recìpere = ricevere), particolari elementi sensoriali posti sulla retina chiamati coni e bastoncelli dalla loro forma: i coni sono responsabili della visione diurna, mentre i bastoncelli sono specializzati per la visione notturna.
Ulteriori stress che gravano sull'occhio sono l'uso intensivo di computer e televisori, il fumo e l'inquinamento ambientale, nonché polvere, vento, stanchezza fisica. A queste condizioni critiche si uniscono le degenerazioni visive legate all'età: l'opacizzazione del cristallino (cataratta) e la degenerazione maculare senile, tra le principali cause di cecità anche nel mondo sviluppato.

Per proteggersi dalla luce troppo intensa, l'occhio utilizza dei sistemi naturali di protezione, quali l'ammiccamento palpebrale, le modifiche della pupilla, la funzione di schermo del cristallino e soprattutto i pigmenti oculari della retina, la luteina e la zeaxantina, che filtrano la luce, proteggendo le cellule nervose dai danni fototossici (causati dalla luce). L'effetto dannoso dell'energia luminosa dipende dalla lunghezza d'onda e quindi dal contenuto energetico; le lunghezze d'onda più corte, vicine all'ultravioletto, sono le più dannose.
La luteina e la zeaxantina sono i principali carotenoidi contenuti nell'area centrale della retina, chiamata macula, responsabile della visione distinta, quindi importantissima per avere una visione chiara e definita.

Struttura dell'occhioLa luteina è un pigmento oculare particolarmente importante, in grado di filtrare la luce e quindi di proteggere i punti più delicati della retina dagli effetti nocivi delle radiazioni luminose.
In natura si trova nei vegetali verdi o gialli, come broccoli, cavoli, spinaci, zucche, piselli. Nell'occhio, la luteina è presente alla nascita in piccolissime quantità, aumenta progressivamente durante l'infanzia e la pubertà e si mantiene costante nell'età adulta. La quantità di luteina che rimane stabile nell'occhio dell'adulto dipende dalle quantità assunte durante l'infanzia e la pubertà: poiché i soggetti che si nutrono con quantità adeguate di luteina sembrano avere una minore incidenza di degenerazione maculare, pensiamo quanto sia importante che i nostri bambini e i giovani abbiano un'alimentazione ricca di frutta e verdura, cosa che non sempre avviene. Dobbiamo quindi abituarli fin da piccoli ad alimentarsi in modo corretto, così che le buone abitudini alimentari acquisite da giovani continuino in modo naturale, senza che siano percepite come costrizioni, nell'età adulta.

La zeaxantina è un carotenoide della famiglia delle xantofille (dal greco xantòs = giallo, e fillon = foglia), pigmenti gialli presenti nelle foglie verdi insieme alla clorofilla, che appaiono con evidenza nelle foglie caduche autunnali. Essa è presente soprattutto in alimenti come il granoturco, il succo d'arancia, il mango e il tuorlo d'uovo, ai quali conferisce, insieme al carotene, il colore.

Numerosi studi clinici hanno anche evidenziato il ruolo positivo attribuito alle vitamine antiossidanti (si vedano anche gli articoli dedicati alle vitamine, di marzo, aprile e maggio 2006), quali le vitamine A, C ed E, per la salute dell'occhio.
La vitamina A svolge un ruolo fondamentale nei processi visivi: una sua deficienza, anche moderata, può essere responsabile di una riduzione delle capacità visive, soprattutto in situazioni di oscurità o scarsa luminosità, poiché la carenza di vitamina A non garantisce la rigenerazione della rodopsina, un pigmento visivo contenuto nei fotorecettori detti bastoncelli, deputati alla visione crepuscolare, con conseguente diminuzione della capacità di adattamento alla bassa illuminazione (cecità crepuscolare o notturna).
Un ampio settore della patologia oftalmica è legato ai cosiddetti disordini da opacità, cioè la cataratta, l'opacità del corpo vitreo e del cristallino, disordini spesso legati all'età, nei quali giocano un grande ruolo i fenomeni ossidativi, con la formazione di radicali liberi, per combattere i quali hanno una funzione molto importante, oltre alla A e alle molecole come la luteina e la zeaxantina, le vitamine C ed E. Queste vitamine rallentano i processi di degenerazione cellulare causati dai radicali liberi, prevengono la formazione della cataratta e proteggono i fotorecettori retinici.
E' noto che anche i frutti del Mirtillo nero (Vaccinium mirtillus) sono tradizionalmente usati per migliorare la funzione visiva globale, poiché essi contengono ben 15 tipi diversi di antocianosidi, che conferiscono al Mirtillo nero un elevato potere antiossidante e lo rendono utile, in particolare, per la rigenerazione della rodopsina.

Concludiamo con alcuni suggerimenti e accorgimenti per preservare la salute dell'occhio, in particolare della retina: indossare un cappellino con visiera e occhiali da sole quando ci si espone alla luce intensa, come al mare o in montagna, soprattutto per le persone con gli occhi chiari; evitare i locali fumosi. Se si utilizzano apparecchi TV o computer, battere spesso le palpebre per umettare con la secrezione lacrimale la superficie dell'occhio; spostare ogni tanto lo sguardo dallo schermo per cambiare la messa a fuoco e far riposare l'occhio; al computer non fissare lo schermo quando si attende il caricamento di una pagina internet.

Infine, ma non meno importante, è bene integrare l'alimentazione con una dieta ricca di sostanze protettive come gli antiossidanti che abbiamo appena esaminato, quali le vitamine A, C, E, e i carotenoidi quali la Luteina e la Zeaxantina. L'integrazione è particolarmente importante nei bambini, che troppo spesso non mangiano frutta e verdura, mentre dovremmo educarli ad un'alimentazione completa e bilanciata.

Dott.ssa Marina Multineddu

Il nostro assortimento di Prodotti per il benessere degli occhi

Condividi:


Indietro       Torna su