Consenso privacy
 
Home
|
Chi siamo
|
Prodotti
|
Informazioni
|
Biblioteca
|
Articoli
|
Erbario
|
Condizioni di vendita
|
Cestino
|
Cerca
|
Contatti
 
Dalla Newsletter del Novembre 2007
Tutti i nostri articoli
Versione stampabile

LA PEDICULOSI (I PIDOCCHI): UN PROBLEMA IN AUMENTO


PidocchioPediculosi è il termine con cui viene indicata l'infestazione da parte di uno sgradevole parassita: il pidocchio.
L'infestazione da pidocchi è nota fin dall'antichità: sono state trovate tracce di uova di pidocchi nelle mummie egizie e nei resti degli individui sepolti dall'eruzione del Vesuvio nel 79 d.c.
Esistono tre tipi di pidocchi, ma il più frequente è il Pediculus humanus capitis: già dal suo nome scientifico è palese che il luogo che predilige è il capo, e infatti l'insetto, color bianco sporco o grigio, lungo dai 2 ai 4 mm, è dotato di tre paia di zampe uncinate che gli permettono di attaccarsi alla base dei capelli, dove vive e depone le uova, che sono chiamate lèndini; esse sono più piccole di una capocchia di spillo, tondeggianti e un po' oblunghe, biancastre e traslucide, e possono essere scambiate per squamette di forfora.

La femmina depone le uova soprattutto dietro le orecchie e nella nuca, il più possibile aderenti alla cute, saldandole alla base del capello per mezzo di una sostanza collosa difficilissima da sciogliere, il che rende più difficoltoso liberarsi dai pidocchi, poiché le uova che non vengono eliminate diventano causa di una nuova infestazione, alla loro schiusa: la nuova generazione di pidocchi diventa riproduttiva dopo due settimane e dà così il via ad un nuovo ciclo. Quindi per essere sicuri di sconfiggere i pidocchi bisogna accertarsi di aver eliminato anche le uova, cioè le lèndini, oltre ai parassiti adulti.
La femmina vive fino a 2 mesi nutrendosi di sangue, che succhia da 2 a 5 volte al giorno; pungendo inietta una sostanza anestetica per agire indisturbata e causa anche un aumento della fluidità del sangue che facilita la suzione.
Successivamente però si manifesta nell'individuo ospite dei parassiti un'intenso prurito che, insieme alla cute arrossata e all'ingrossamento dei linfonodi presenti dietro le orecchie e nella parte posteriore del collo, costituiscono le principali manifestazioni cliniche dell'avvenuta infestazione.
La femmina arriva a deporre durante la sua vita circa 300 uova, che possono restare vitali fino alla loro schiusa, che avviene dopo circa 10 giorni dalla deposizione.

Il Pediculus humanus capitis sopravvive al di fuori del corpo umano per poco tempo: infatti il contagio avviene principalmente per contatto diretto fra le persone, ed è favorito dall'uso promiscuo di spazzole per capelli, asciugamani, cappelli, sciarpe, e dal sovraffollamento, come può avvenire a scuola, nei cinema, sui mezzi di trasporto.
Contrariamente a quanto molte persone pensano, i pidocchi non sono in grado di saltare da una testa all'altra (sono le pulci che saltano!); l'infestazione inoltre non è dipendente dalla lunghezza dei capelli, che però se sono molto lunghi possono ostacolare l'individuazione tempestiva sia degli insetti che delle lèndini.

La pediculosi è una manifestazione tipica dell'infanzia e dell'adolescenza, anche se non è esclusiva, e l'età più colpita è senza dubbio quella compresa fra i 3 e gli 11 anni, quindi proprio l'età della scuola, materna ed elementare soprattutto.
La pediculosi infatti è molto comune in ambiente scolastico e non deve essere considerata come segno di scarsa igiene: infatti non fa distinzione fra classi sociali o fra persone che hanno più o meno cura dell'igiene.
I pidocchi prediligono comunque come ospiti proprio i bambini, forse per la composizione del mantello idrolipidico della loro cute, o per la loro temperatura corporea, alla cui variazione sono molto sensibili.

Uova di pidocchi (lèndini)Anticamente il rimedio per combattere la pediculosi consisteva nel lavare i capelli con l'aceto tiepido, che con la sua acidità aiutava a sciogliere la sostanza vischiosa che incolla le lendini al capello, facilitando così il distacco delle uova; quindi il capo veniva rasato e spalmato con pomate al mercurio, piuttosto tossiche.
Anche l'uso di pettini dai denti molto stretti, bagnati nell'aceto caldo, contribuiva a rimuovere sia l'insetto adulto che le uova: il famoso "pettine fitto" che tanto è stato utilizzato nel dopoguerra (e chi ha una certa età lo ricorda sicuramente!), quando la presenza dei pidocchi era purtroppo molto diffusa, anche negli adulti.

E' ancora buona norma utilizzare il pettine fitto per effettuare controlli regolari della testa di bambini e ragazzi, per verificare che non ci sia la presenza di qualche pidocchio, in modo da affrontare il problema sul nascere, se mai ve ne fosse bisogno.
Qualora si riscontrasse che l'infestazione si è verificata, è necessario che tutti i membri della famiglia siano controllati, ed eventualmente trattati. Anche la scuola deve essere avvertita, in modo da mettere in opera la profilassi in tutte le classi dell'istituto.
Negli anni '40 per combattere la pediculosi si utilizzò il DDT, famoso insetticida che successivamente però venne messo al bando per la sua alta tossicità (e che nel dopoguerra contribuì a debellare la malaria, anche nella nostra bella Sardegna, con la eliminazione della zanzara Anofele, che veicolava con la sua puntura il plasmodio della malaria col quale si era infettata pungendo individui già malarici).

Oggi per combattere i pidocchi si utilizzano soprattutto shampoo e lozioni a base di piretro, il cui uso però non è esente da rischi, specie se utilizzato per lungo tempo; esso inoltre può portare ad una resistenza dei pidocchi stessi, per cui alla lunga diventa inefficace e allora è necessario ricorrere ad altre molecole, ancora più aggressive.
La strategia migliore quindi è quella di cercare di evitare il contagio creando nel capo un ambiente sfavorevole all'insediamento dei pidocchi.

Esistono sostanze naturali come gli oli essenziali di Limone, Bergamotto, Cedro, Lavanda, Geranio, Citronella, Arancio amaro, Rosmarino, Timo, che con il loro profumo intenso e caratteristico, per noi piacevole, rendono il capo poco gradito ai pidocchi, che se ne tengono ben lontani!
Questi oli essenziali sono solitamente miscelati a oli lavanti, lozioni, gel fissanti (sì, proprio i gel che i giovani utilizzano per la loro acconciatura!), di facile e gradevole uso, che non comportano alcun fastidioso procedimento, quindi sono adoperati volentieri e con regolarità, e così la prevenzione diventa veramente efficace.
Sono prodotti innocui che possono essere utilizzati da tutti, adulti e bambini, anche per lunghi periodi, poiché aiutano a mantenere i capelli in buona salute mentre svolgono la loro azione di prevenzione contro la pediculosi.

Dott.ssa Marina Multineddu

Il nostro assortimento di Prodotti contro i pidocchi

Condividi:


Indietro       Torna su