Consenso privacy
 
Home
|
Chi siamo
|
Prodotti
|
Informazioni
|
Biblioteca
|
Articoli
|
Erbario
|
Condizioni di vendita
|
Cestino
|
Cerca
|
Contatti
 
Dalla Newsletter del Gennaio 2009
Tutti i nostri articoli
Versione stampabile

LA FITOTERAPIA PER I BAMBINI
SECONDA PARTE

Articoli correlati:
La fitoterapia per i bambini - prima parte

Borragine Proseguiamo l'argomento della fitoterapia in età pediatrica iniziato il mese scorso, e analizziamo altri problemi che si possono presentare.

I bambini manifestano talvolta difficoltà nelle funzioni intestinali: la stipsi nell'infanzia costituisce un problema di non facile soluzione che, se non risolto, può cronicizzarsi causando la comparsa di ragadi o piccole emorroidi; queste possono rendere dolorosa l'evacuazione, aggravando ancor di più il problema, poiché il bambino tenderebbe a rimandare l'espletamento della funzione, peggiorando così la situazione. Una circostanza naturale e fisiologica potrebbe perciò diventare un vero "spauracchio".

E' noto che in età pediatrica non è consigliabile utilizzare lassativi drastici, che, oltre ad essere irritanti, indurrebbero una precoce assuefazione, condannando il bambino a diventare un futuro adulto stitico e lassativo-dipendente.
Ovviamente, il primo intervento da attuare è quello di abituare il bambino ad un'alimentazione ricca di fibre, quindi di verdura, frutta, legumi, alimenti integrali, cibi che però non sono sempre accettati, specie se in famiglia gli adulti non ne fanno un uso regolare: gli adulti dovrebbero infatti dare il buon esempio e mostrare un buon gradimento verso questi alimenti così utili e salutari per molti aspetti.
Si deve anche curare che i bimbi bevano acqua in abbondanza, vista la facilità alla sudorazione durante l'attività del gioco, che fa loro consumare molti liquidi, in modo che l'intestino ne abbia a disposizione quantità sufficienti a mantenere le feci idratate e morbide.

Se anche migliorando il regime alimentare con cibi tradizionali la stipsi persiste, possiamo introdurre nella dieta quotidiana i fiocchi di Avena integrali, nel formato mignon che risulta più morbido e gradevole, da utilizzare nel latte, magari insieme ai fiocchi di Mais (corn flakes), o fette biscottate e biscottini, possibilmente integrali, per renderli più graditi.
I fiocchi di Avena si possono miscelare anche alle minestre, o inserire nell'impasto di torte, crostate e biscotti, in modo da variarne l'uso ed evitare che a lungo andare vengano rifiutati.
Si può usare anche l'accorgimento di aggiungere un po' di crusca di Grano all'impasto delle polpette, o nelle minestre, o direttamente sulla pasta al Pomodoro insieme al parmigiano, per celarne la presenza se la crusca non fosse troppo gradita.
Se si rendesse necessario un ulteriore aiuto, possiamo preparare una tisana con Malva, Psillio, Melissa e Finocchio (1-2 tazze al giorno), che, agendo da emolliente, rilassante, spasmolitica e carminativa, potrebbe contribuire a risolvere il problema.
Se neppure questo sarà sufficiente, allora dovremo ricorrere ad integratori di fibre prebiotiche mucillaginose, i fruttoligosaccaridi, scegliendo prodotti dal buon sapore, quindi adatti anche ai bambini, che aiutano ad idratare le feci e rendono più facile l'evacuazione; le fibre prebiotiche inoltre alimentano e migliorano la flora batterica, che è importantissima per la salute dell'intestino e per una sua naturale funzione fisiologica.

Mirtillo neroSe, al contrario, il problema è la diarrea, nel caso sia di origine infettiva naturalmente sarà indispensabile un farmaco specifico consigliato dal medico.
Possiamo però aiutare ugualmente il nostro bambino, oltre che con un'alimentazione appropriata che il medico stesso suggerirà, somministrandogli succo di Mirtillo nero, che agirà da astringente e disinfettante intestinale. Ad esso assoceremo il Polline naturale in granuli, o in compressine masticabili, utile per il benessere intestinale, e ottimi fermenti lattici probiotici, ad alto contenuto di lactobacilli e di bifidobatteri, che arricchendo la flora batterica contribuiranno a riportare l'intestino alla normalità.
Sarà necessario anche curare molto l'idratazione con abbondanti bevande sane e gradevoli, naturalmente non gassate.
In caso di diarrea recidivante bisognerà verificare che non vi siano intolleranze alimentari, ad esempio al lattosio o al glutine, che richiedono particolari indagini mediche.

PollineAlcuni bambini appaiono gracili e inappetenti: in questo caso possiamo stimolare loro l'appetito con la Pappa Reale, utile ricostituente naturale prodotto dalle api, che rafforza anche le difese immunitarie; assoceremo pure il Polline, vera miniera di sostanze utili alla crescita.

Quando si manifestano malattie esantematiche tipiche dell'età infantile, come il morbillo (anche se oggi con le vaccinazioni è sempre meno diffuso) e la varicella, potremo trattare le complicanze aiutandoci con la fitoterapia.

Per la tosse, che spesso si accompagna al morbillo, si possono utilizzare gli stessi ausili coadiuvanti che abbiamo approfondito nell'articolo dello scorso mese, per l'utilizzo in presenza di un'infezione a carico delle vie respiratorie, come uno sciroppo alla Propoli ed erbe balsamiche come Mirto, Eucalipto, Timo, Elicriso e le altre già citate nell'articolo di dicembre, che potranno portare ristoro e sollievo al bambino e contribuiranno a lenire e risolvere la tosse.

Melaleuca (Tea tree)Nella varicella il problema più fastidioso è costituito dal prurito provocato dalle crosticine, che si formano sulle vescicole caratteristiche, e che potremo alleviare applicando delicatamente una crema a base di olio essenziale di Melaleuca, o Tea Tree Oil, che ha proprietà antivirali, antibatteriche, lenitive, rinfrescanti e antipruriginose: darà grande sollievo al bambino e potrà anche ridurre il rischi di infezioni che il grattarsi potrebbe causare.
L'olio essenziale di Melaleuca può essere applicato anche sulle vescicole dell'herpes labiale, con delicate toccature locali da effettuare più volte al giorno con un piccolo fiocchetto di cotone leggermente imbevuto (2 gocce) e sempre rinnovato; soprattutto se l'utilizzo avverrà ai primi sintomi della sua comparsa, potrà bloccare l'insorgenza della vescicola o almeno ridurre la gravità e la durata del disturbo.
L'olio essenziale non va mai lasciato maneggiare ai bambini, essendo un estratto molto concentrato che, come tutti gli oli essenziali, va utilizzato con cautela.

Se notiamo che il bambino è nervoso, iperattivo, ha un sonno agitato, dobbiamo prima accertarci che non vi sia una patologia che provoca questi problemi, come una cattiva respirazione dovuta all'ingrossamento delle adenoidi, o ad un dolore non manifestato chiaramente, causato ad esempio dall'infiammazione di un orecchio, o di un dente.
Se l'irrequietezza non ha una causa organica motivata, allora potremo tranquillizzarlo con erbe rasserenanti come Melissa, Passiflora, Camomilla, sotto forma di tisana o di un gradevole sciroppo; erbe rilassanti che potrà assumere anche la mamma, se sospetta di aver trasmesso la sua ansia al bambino, come purtroppo talvolta accade a causa della vita stressante che spesso conduciamo.
Potrà essere di ausilio, sia alla mamma che al bambino, assumere un integratore di Magnesio, anche sotto forma di fialette a veloce assorbimento perlinguale, che manifesti rapidamente la sua efficacia sull'umore, sull'ansia e sull'insonnia.

Le piante rilassanti possono essere utili anche nei casi di enuresi notturna, naturalmente se non vi sono patologie urologiche accertate: avendo infatti solitamente questo disturbo una probabile componente psicologica, se il bambino è più sereno e il problema è affrontato con naturalezza, senza che egli si senta colpevolizzato, potrebbe anche risolversi spontaneamente.

Mimosa tenuiflora (Tepezcohuite)Anche i disturbi che riguardano la pelle possono essere affrontati, e spesso risolti, con l'aiuto delle piante officinali. In questo caso la fitoterapia viene in aiuto anche dei bambini molto piccoli, addirittura neonati, la cui pelle è particolarmente fragile e delicata perché non si è ancora formato il manto idrolipidico protettivo, cioè quella invisibile barriera formata da acqua e grasso, che funge da schermo contro gli agenti esterni irritanti. La pelle del neonato è sottoposta a continue aggressioni derivate dall'uso dei pannolini che favoriscono il ristagno di urina, feci e sudore, che possono provocare la macerazione della pelle sottilissima e delicata, che sarà così più esposta all'aggressione dei germi.
Bisognerà quindi sottoporre il bimbo ad una igiene scrupolosa e, ad ogni cambio di pannolino, dopo un lavaggio con detergenti specifici e delicatissimi a ph fisiologico, seguito da una perfetta asciugatura della pelle, sarà buona abitudine applicare creme specifiche, a base di appropriati estratti vegetali, di cui parleremo fra breve, che la difenderanno ed eviteranno sia banali arrossamenti e irritazioni, che vere e proprie dermatiti.

Queste particolari cure si rifletteranno sulla tranquillità del bebè, che non dovrà sopportare l'inconveniente causato dal contatto del pannolino sulla pelle, cioè l'innalzamento della temperatura della parte, che potrebbe cagionare molto fastidio, o anche vero dolore se la sua pelle letteralmente "brucia".
Questo fatto potrebbe spiegare quelli che a volte sembrano solo capricci, ed invece alla base ci potrebbe essere una reale sofferenza: il pianto di un neonato, a mio parere, non va mai ignorato e sottovalutato; meglio accertarsi sempre che alla base non ci sia un reale disagio.

Ribes neroNaturalmente sceglieremo prodotti il più possibile naturali, che non contengano derivati del petrolio come vaselina o paraffina, e che abbiano nella loro formulazione estratti vegetali emollienti, rigeneranti, idratanti, protettivi e filmogeni.
Le piante più adatte per proteggere la pelle dei bambini, sono: la Malva, dalle mucillagini emollienti e lenitive; il Karitè, molto nutriente e rigenerante cellulare; la Camomilla e l'Echinacea, antinfiammatorie, lenitive e cicatrizzanti; la Mimosa tenuiflora (Tepezcohuite), spiccatamente cicatrizzante e altamente rigenerante e analgesica; la Borragine, assai nutriente e specifica contro la secchezza della pelle, costituisce un'efficace prevenzione contro dermatiti, desquamazioni, eczema atopico, per il suo alto contenuto di un particolare acido grasso polinsaturo, l'acido gamma-linolenico, che in natura è presente solo nel latte materno, nell'olio di Borragine, nell'olio di Enotera e, in minor percentuale, nell'olio dei semi di Ribes nero.
Le proteine estratte dal Grano e dal Riso esercitano un'azione rinfrescante, emolliente addolcente; anche gli amidi di Riso, di Avena e di Mais, sono un prezioso ingrediente di polveri aspersorie, che servono a mantenere asciutta la pelle, in modo da evitare irritazioni.
Dobbiamo quindi accertarci sempre che i prodotti che scegliamo per i nostri bambini contengano gli estratti di queste piante che, con le loro proprietà emollienti, lenitive, antinfiammatorie, antiarrossanti, nutrienti e rigeneranti, ci aiuteranno a mantenere la pelle in condizioni ottimali, aumentando così il loro benessere e anche la loro tranquillità.
Anche la mamma potrà così essere più serena e tranquilla.

Gli argomenti trattati non esauriscono certamente la materia, ma spero comunque di aver fornito validi suggerimenti e consigli, che possano rivelarsi utili al momento opportuno.

Dott.ssa Marina Multineddu

Il nostro assortimento di Prodotti specifici per i bambini

Condividi:


Indietro       Torna su