Consenso privacy
 
Home
|
Chi siamo
|
Prodotti
|
Informazioni
|
Biblioteca
|
Articoli
|
Erbario
|
Condizioni di vendita
|
Cestino
|
Cerca
|
Contatti
 
Dalla Newsletter dell'Aprile 2017
Tutti i nostri articoli
Versione stampabile

FITOTERAPIA IN AMBITO VETERINARIO: CURE NATURALI PER I NOSTRI AMICI ANIMALI


Chi possiede un animale da compagnia, specie se è attento al mondo del naturale e già utilizza i prodotti erboristici e fitoterapici per sé, è portato a ricercare cure più dolci e naturali anche per il proprio, o i propri, animali, quando ne abbiano necessità, onde evitare loro, se non strettamente necessari a parere del medico veterinario, la somministrazione di medicinali di sintesi.
La fitoterapia, in effetti, riconosce vaste e valide applicazioni anche in campo veterinario, sia per quanto riguarda gli animali da compagnia, sia per quelli da allevamento.

In questo contesto ci occuperemo in particolare di animali da compagnia, soprattutto cani e gatti, ma non dimenticheremo canarini, pappagalli, uccelli esotici, conigli e piccoli roditori. Cercheremo di trovare suggerimenti utili sia per la loro alimentazione salutare, sia per eventuali integrazioni mirate al potenziamento della flora microbica intestinale, utile sia come normale mantenimento della salute intestinale, sia in presenza di patologie quali gastroenteriti, diarrea, parassitosi intestinali, specie in concomitanza a somministrazione di antibiotici o sulfamidici; suggeriremo le eventuali strategie per affrontare con soluzioni fitoterapiche le altre diverse patologie, che possono interessare l'apparato scheletrico e locomotore, o quello cutaneo, oltre alle problematiche inerenti il sistema nervoso. Suggeriremo infine quali prodotti naturali possono essere utilizzati per l'igiene e la toeletta di cani e gatti, per mantenere il loro manto sano e lucente, con un'azione dermopurificante delicata e non aggressiva, che eviti anche la disidratazione della cute.

Nepeta cataria (erba gatta)
Nepeta cataria (erba gatta)
L'uso della fitoterapia in campo veterinario nasce dall'osservazione degli animali in natura, che sanno per istinto quali piante possono loro giovare: chi non ha mai visto un gatto "brucare" periodicamente l'erba selvatica, anche allo scopo di ripulire lo stomaco dai peli che involontariamente ingoia leccando a lungo il mantello durante la sua accurata toilette? Dopo l'ingestione dell'erba, infatti, il gatto la rigetterà insieme a succhi gastrici e a un bolo di pelo agglutinato, liberando così lo stomaco dall'ingombro.
Sempre il gatto adora la pianta Nepeta cataria, che possiede blande proprietà digestive e calmanti e agisce sull'animale anche come euforizzante: vediamo infatti che esso l'annusa, la lecca, la mastica ripetutamente, ci gioca e ci si sdraia sopra e persino i gatti anziani, dopo averla ingerita, sembrano riacquistare le forze e diventano giocherelloni. La Nepeta cataria è chiamata perciò "erba gatta" per l'attrazione che esercita sui gatti, che istintivamente la cercano e ne traggono benefici sia fisici, poiché migliora la peristalsi e la digestione ed è ricca di acido folico o vitamina B9, ma anche psicologici, poiché l'erba gatta li rinvigorisce, li rasserena e li rende più vivaci.
Anche altri animali usano alcune piante a scopo igienico o medicinale: i cani mangiano la Malva, rinfrescante e purificante intestinale, ricercando anche le sue radici, scavandole nel terreno; gli scimpanzé individuano alcune piante ad azione antiparassitaria, mentre alcuni uccelli costruiscono il nido con foglie di Tabacco, che ha proprietà repellenti e insetticide contro insetti e larve.
La capacità di adoperare piante medicinali negli animali è certamente innata, anche se non si conosce con certezza come l'abbiano acquisita; probabilmente era una prerogativa anche dell'uomo primitivo, che in seguito, diventando civilizzato, ne ha perso in parte la memoria.
Oggi la fitoterapia è nuovamente tornata in auge, per i benefici che può apportare, ovviamente se utilizzata in modo appropriato, anche all'organismo umano, con scarsi effetti collaterali. Naturalmente l'uso delle piante a scopo medicinale necessita del consiglio e della conoscenza dell'esperto erborista fitoterapeuta.

Le proprietà delle piante ad uso veterinario ricalcano quelle che esse esercitano anche sull'uomo, ma cambiano certamente le dosi e i modi di somministrazione, che avvengono in genere in base al tipo di animale e al suo peso. Secondo la tipologia del fitoterapico, liquida, in polvere o in compresse, e secondo la specie a cui esso è destinato, i fitopreparati per uso orale possono essere somministrati miscelandoli con un alimento gradito all'animale, oppure mescolandoli all'acqua di bevanda, o direttamente in bocca se in capsule o compresse.

Esaminando per prima cosa gli alimenti per cani e gatti, dobbiamo appurare che siano salutari, se possibile con una alta componente vegetale e biologica, privi di residui chimici industriali. Possiamo usufruire per i nostri amici di crocchette contenenti materie prime di alta qualità, quali alghe biologiche, come l'Ascophyllum nodosum, un'alga caratterizzata da una elevata percentuale di polisaccaridi salutari per l'apparato gastrointestinale, oltre a un buon contenuto di acidi grassi Omega 3, che solitamente non compaiono negli alimenti per animali. Le crocchette biologiche vegetali per cani e gatti contengono inoltre cereali, solitamente coltivati in Italia e privi di inquinanti ambientali, Soia, estratti di proteine vegetali, oli vegetali come l'olio di Girasole, oltre a minerali, oligoelementi, e vitamine di origine naturale.
Esse non devono contenere appetizzanti di sintesi o derivati da ingegneria genetica, e neppure residui farmacologici, che possono invece essere presenti nelle carni dei comuni alimenti per animali. L'alimentazione con una buona componente vegetariana di qualità, ben bilanciata e salubre, dimostra di essere ben appetita dai cani e dai gatti, i quali, sia nel breve come nel lungo periodo presentano un ottimo equilibrio psico-fisico, senza mostrare i più comuni disturbi che solitamente li affliggono. Per quanto riguarda i gatti, che sono carnivori stretti, gli alimenti vegetariani e vegani devono comunque essere sempre integrati con proteine e grassi animali, preferibilmente di pesce.

Per completare l'alimentazione ed evitare carenze nutrizionali, sia per cani e gatti, sia per altri animali da compagnia, si possono associare integratori che stimolino le naturali funzioni fisiologiche contro i processi di invecchiamento, contenenti Lievito di Birra al Selenio, antiossidante contro i radicali liberi e ricco di vitamine del gruppo B; Rosmarino, antiossidante e stimolante la vitalità; Alfa Alfa, ricca di vitamine, aminoacidi, minerali e oligoelementi, fortificante e antiastenica; Genziana, stimolante dell'appetito, tonica e corroborante; per la sua azione depurativa e diuretica si può ricorrere al Tarassaco, e alla Liquirizia come antiacido contro le gastriti.

Ribes nero
Ribes nero
Fra le possibili patologie che gli animali da compagnia possono presentare ci sono le manifestazioni di tipo allergico, sia respiratorie che cutanee, per le quali la fitoterapia consiglia, sia in fase acuta, sia come mantenimento e prevenzione, il Ribes nero e la Rosa canina, che stimolano le naturali funzioni fisiologiche con un'azione immunostimolante, antiallergica, antivirale e antinfiammatoria definita cortisono-simile, per lo stimolo esercitato a livello del cortico-surrene, senza tuttavia le controindicazioni del cortisone di sintesi. Queste piante sono consigliate per cani, gatti, canarini, pappagalli e uccelli esotici, conigli e roditori.
Echinacea
Echinacea
In presenza di patologie respiratorie di origine batterica o virale si possono utilizzare la Propoli, antibiotico naturale prodotto dalle api, e la Cannella, dalle proprietà batteriostatiche, battericide e antivirali, oltre alla Rosa canina e l'Acerola, fonti naturali di vitamina C e, insieme all'Echinacea, stimolanti per il sistema immunitario; possono essere utili, inoltre, gli oli essenziali estratti da piante che possiedono proprietà antisettiche, balsamiche, mucolitiche, espettoranti e antitussive come l'Eucalipto, il Cajeput, il Timo, il Limone.
Alcune di queste piante si trovano in integratori ad uso veterinario specifici per cani e gatti, mentre altre possono essere somministrate anche a canarini, pappagalli e uccelli esotici, conigli e roditori.

Artiglio del diavolo
Artiglio del diavolo
Così come il loro proprietario e amico umano, i cani e i gatti, specie se anziani, sono soggetti a patologie a carico dell'apparato locomotore muscolo-scheletrico: in questo caso si possono somministrare loro formulazioni composte da Boswellia, Artiglio del diavolo (Harpagophytum procumbens), Spirea, dall'azione antinfiammatoria, antireumatica, antiartritica e analgesica, utili in caso di reumatismi, artrosi, artriti, dolori articolari acuti; a questi si possono abbinare l'Equiseto, che ha proprietà remineralizzanti e antinfiammatorie e per la sua ricchezza in silicio favorisce l'elasticità del tessuto connettivo e delle cartilagini articolari, il Frassino e il Ginepro, dall'azione drenante e antidolorifica.

In presenza di patologie che interessano l'apparato urinario, come cistiti, calcoli renali e vescicali, ritenzione idrica, azoturia, sindromi uremiche, le piante più indicate sono la Verga d'oro, la Betulla, la Pilosella, e ancora l'Equiseto, che ha anche proprietà diuretiche, drenanti, antinfiammatorie, antiuriche, decloruranti, ipoazotemiche e antimicrobiche.

Cardo mariano
Cardo mariano
Un altro organo importante che può manifestare problemi è il fegato, che può andare incontro a disfunzioni quali epatopatie, intossicazioni, tossicosi, steatosi, dovute talvolta a squilibri alimentari. Per la depurazione di questo fondamentale organo emuntorio, anche per gli animali, come per gli umani, sono consigliati il Cardo mariano e il Carciofo, efficaci epatoprotettori, depurativi, detossificanti e, inoltre, colagoghi e coleretici.

Per mantenere la salute intestinale e contrastare eventuali infestazioni da parassiti, diarrea, gastroenteriti, sono appropriati integratori di lieviti vivi ad alta attività enzimatica utili per il potenziamento della flora batterica, possibilmente associati a piante immunostimolanti che potenzino le difese immunitarie, come l'Echinacea, e l'Agrimonia, astringente e antidiarroica, la Calendula, emolliente, lenitiva e riepitelizzante della mucosa intestinale, la Liquirizia, antinfiammatoria e antispasmodica.

Per le infiammazioni oculari è possibile effettuare impacchi con infusi di Amamelide e Camomilla, rinfrescanti e lenitive, mentre per la salute delle orecchie sono indicati gli oli essenziali di Citronella, Eucalipto, Lavanda, Timo, e l'olio di Neem: essi, emulsionati con olio di Girasole, potranno essere adoperati per la pulizia dei dotti auricolari da sporco, cerume, acari.

Passiflora
Passiflora
Per mantenere la pelle in buona salute ci si può avvalere di preparati contenenti Propoli, Echinacea, Calendula, e oli essenziali di Limone, Melaleuca (Tea Tree Oil), Eucalipto, Lavanda, che esercitano nel complesso una funzione antisettica, batteriostatica e battericida, immunostimolante, riepitelizzante, antiallergica, analgesica, che si riveleranno utili contro patologie cutanee quali dermatiti, eczemi, ragadi, piaghe, abrasioni, ipercheratosi (alle zampe degli uccelli).

Talvolta i nostri animali possono manifestare, per svariate cause, quali rumori molesti come i "botti" di carnevale e capodanno o viaggi lunghi e stressanti, stati di agitazione, paure, ansia, nervosismo, crisi di abbandono; anche per queste manifestazioni possiamo ricorrere alla fitoterapia, mediante la somministrazione di piante tradizionalmente ansiolitiche, rilassanti e calmanti come la Passiflora, l'Escolzia, il Biancospino, la Valeriana, che agiscono riducendo stati di nervosismo, ipereccitabilità e agitazione.

Aloe vera
Aloe vera
Anche L'Aloe, nelle due specie officinali Aloe vera e Aloe arborescens, utilizzate con grande efficacia in ambito umano, può dare ottimi benefici ai nostri cani e gatti. Può essere somministrata per uso interno sia in forma di succo, sia più agevolmente mediante preparati appositi in pasta appetibile, e può essere utilizzata per uso locale con i preparati in gel, creme e lozioni cosmetiche.
L'Aloe può aiutare a difendere i nostri "amici pelosi" dai malanni che possono affliggerli, mediante le sue proprietà nutraceutiche e officinali: è un validissimo aiuto per sostenere le difese immunitarie, come immunostimolante e immunomodulante, oltre che per le sue proprietà antiossidanti, utili per contrastare lo stress ossidativo e i danni provocati dai radicali liberi e contrastare patologie degenerative, energizzanti, antisettiche, antinfiammatorie, depurative e disintossicanti, che contribuiscono a mantenere in salute i nostri cani e gatti, ne proteggono l'apparato gastrointestinale, alleviano le infiammazioni e i dolori articolari. L'Aloe si rivela un ottimo coadiuvante anche nelle terapie chirurgiche e farmacologiche, inclusa la chemioterapia, di cui riduce gli scompensi, rivelandosi un coadiuvante in grado di stimolare e potenziare il sistema immunitario, far riacquisire energia e forza ai soggetti debilitati, e accorciare i tempi di guarigione.

Per l'igiene e la toeletta di cani e gatti sceglieremo cosmetici, ovviamente non sperimentati su animali, come shampoo a base di piante lenitive e dermopurificanti, quali Avena, Bardana, Lichene d'Islanda, Salvia, Aloe vera, Melaleuca (Tea Tree oil), e i derivati proteici del Grano, del Riso e della Soia, ammorbidenti e idratanti, o il Ricino, l'Ortica e il Rosmarino, purificanti e rinforzanti del pelo, e deodoranti e igienizzanti come la Menta, il Ginepro e l'Ylang Ylang, che deodorano dolcemente il manto, lasciando il pelo pulito, morbido, sano e lucido.
Per gli esemplari a pelo lungo è consigliabile abbinare anche un balsamo districante, che, eliminando l'elettricità statica, renderà il pelo pettinabile e lucente, ne manterrà a lungo l'igiene e renderà la cute morbida e idratata. Potremo inoltre utilizzare un prodotto specifico spray, che non necessiti di risciacquo, a base di China rossa, sebo-riequilibrante, Miglio e pantenolo, rinforzanti ed emollienti, che aiuti a spazzolare e districare il pelo lungo di cani e gatti, e che lasci la loro pelle nutrita e idratata.
Periodicamente si può adoperare un olio detergente e igienizzante con proprietà antiparassitarie, che elimini i parassiti e crei un ambiente sfavorevole ad una loro nuova infestazione, mediante la presenza di oli essenziali quali Lavanda, Bergamotto, Limone, Timo, dispersi in una base di olio di Ricino solubile in acqua, perciò da risciacquare solo con acqua, che manifesta anche un'azione normalizzante della secrezione sebacea e del pH fisiologico.
Ad esso si può abbinare l'uso sistematico di uno spray antiparassitario, privo di antiparassitari chimici di sintesi, a base di oli essenziali, come Citronella, Lavanda, Eucalipto, Timo, e olio di Neem, specifici contro i parassiti esterni come pulci, pidocchi, acari, zecche, mosche, pappataci, zanzare.

Dott.ssa Marina Multineddu

Trovate il nostro assortimento di prodotti fitoterapici per animali nella sezione
Integratori, alimenti e cosmetici erboristici per gli animali

Condividi:


Indietro       Torna su