Consenso privacy
 
Home
|
Chi siamo
|
Prodotti
|
Informazioni
|
Biblioteca
|
Articoli
|
Erbario
|
Condizioni di vendita
|
Cestino
|
Cerca
|
Contatti
 
Boswellia - Incenso

Boswellia - Incenso

La Boswellia serrata appartiene alla famiglia delle Burseraceae, piante arboree dotate di canali resiniferi dai quali trasuda, lungo incisioni che l'uomo apporta al tronco di alcune specie, un succo resinoso bianco e lattiginoso che, solidificandosi lentamente all'aria, forma dei granuli che costituiscono l'Incenso, o Olìbano, nome derivato probabilmente dall'arabo "al-lubàn", che significa bianco.
Fin dall'antichità è noto l'uso di queste resine aromatiche, per scopi curativi, per fumigazioni disinfettanti dell'ambiente, o per culti rituali pagani, finché col tempo esse divennero il simbolo dell'offerta in tutte le forme cerimoniali di culto religioso, come ancora oggi avviene nelle religioni cristiana e greco-ortodossa.
Originaria dell'India e del Pakistan, la Boswellia serrata è un albero di medie dimensioni che solitamente non supera i 4-6 metri di altezza, con una chioma ampia e un grosso tronco molto ramificato, dalla corteccia color cenere che si sfalda in sottili scaglie dall'aspetto cartaceo.
Le grandi foglie composte sono caduche: l'albero va in "estivazione" perdendo le foglie e sospendendo le funzioni vitali nel periodo più caldo. I fiori, color bianco crema, profumati, sono riuniti in infiorescenze a grappolo dette racemi. Il frutto è una piccola drupa trìgona contenente tre semi cuoriformi.
La droga, cioè la parte di pianta contenente i principi attivi, è costituita dalla oleo-gommo-resina che si ottiene dall'incisione della corteccia; l'incisione non danneggia l'albero e l'essudato del tronco, a contatto con l'aria, indurisce lentamente formando delle perle, dette lacrime, che conservano il colore bianco crema e la trasparenza alabastrina tipica delle resine.
Ciascuna pianta può produrre fino ad 1 kg di resina all'anno, e può essere sfruttata per non più di 6-7 anni consecutivi. La frazione gommosa dell'essudato è costituita da polisaccardi solubili in acqua, quella resinosa è composta da una miscela di acidi boswellici, quella oleosa è costituita da oli essenziali.

Proprietà e Indicazioni
Attualmente, la Boswellia serrata è utilizzata nella fitoterapia per le sue riconosciute proprietà espettoranti, broncodilatatorie, diaforetiche, ma soprattutto antinfiammatorie e antidolorifiche per i disturbi muscolo-scheletrici, come adiuvante per lenire le infiammazione osteoarticolari.
L'attività medicinale più importante riconosciuta è quella antinfiammatoria, attribuita agli acidi boswellici, che si ipotizza abbiano la capacità di inibire la biosintesi di alcune molecole enzimatiche, responsabili dell'instaurarsi di alcuni processi infiammatori e della distruzione del collagene; di conseguenza la Boswellia serrata permette di ottenere una riduzione dell'infiammazione e di evitare il deterioramento delle strutture articolari.
L'azione antinfiammatoria non risulta gastrolesiva, poiché la Boswellia serrata non interferisce con la produzione delle prostaglandine, come fanno gli antinfiammatori di sintesi (FANS), che inibiscono sia l'azione pro-infiammatoria esercitata dalle prostaglandine, sia quella protettiva che le stesse prostaglandine esercitano sulla mucosa gastrica.
L'utilizzo dell'estratto totale della pianta, cioè il fitocomplesso, si è dimostrato più efficace dei singoli principi attivi isolati, come avviene solitamente in fitoterapia, e il suo uso non ha mostrato, alle dosi raccomandate, effetti negativi, nemmeno per le somministrazioni prolungate che sono spesso necessarie nelle patologie infiammatorie croniche.
Il suo utilizzo è consigliato quindi come coadiuvante in caso di problemi degenerativi delle articolazioni, ridotte capacità motorie mattutine, dolori muscolari, reumatismi, artrosi, infiammazione dei tessuti molli come tendiniti, miositi, fibromialgia, nella gotta, e in particolare nell'artrite reumatoide, sia per uso interno, che come ingrediente di pomate e unguenti da spalmare sulle articolazioni doloranti.
La Boswellia serrata trova inoltre indicazione in alcuni disturbi dell'apparato respiratorio, e come coadiuvante nelle malattie infiammatorie dell'intestino.
In fitocosmesi, la Boswellia serrata risulta benefica per la pelle impura e seborroica, e per lenire gli arrossamenti delle pelli particolarmente sensibili.
Boswellia - Incenso


Condividi: