Consenso privacy
 
Home
|
Chi siamo
|
Prodotti
|
Informazioni
|
Biblioteca
|
Articoli
|
Erbario
|
Condizioni di vendita
|
Cestino
|
Cerca
|
Contatti
 
Canapa

Canapa

La Canapa, Cannabis sativa, è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Cannabaceae che può raggiungere i 2 metri di altezza, anche se in alcune sottospecie può arrivare fino a 5 metri. Ha una lunga radice fittonante, che sviluppa un fusto eretto o ramificato, foglie composte palmate formate da foglioline dal margine seghettato. Le piante di Canapa sono dioiche, cioè portano i fiori maschili staminiferi, riuniti in pannocchie, e quelli femminili pistilliferi, riuniti in corte spighe, su piante diverse; l'impollinazione è anemofila, operata cioè tramite il vento. I fiori femminili compaiono in estate e dalla loro fecondazione hanno origine i frutti, o acheni, contenenti un solo seme.
In base alla composizione dei metaboliti della pianta, la Cannabis sativa si divide in due chemiotipi: il chemiotipo CBD, che caratterizza la Canapa destinata ad usi agricoli, industriali e officinali, che si illustra in questa scheda; e il chemiotipo denominato THC, che identifica la Canapa da cui si estraggono i cannabinoidi (dalla resina e dalle infiorescenze) e le molecole psicoattive come l'hashish e la marijuana: questo secondo chemiotipo in questo contesto non sarà oggetto di trattazione.
Il chemiotipo CBD qui decritto ha un contenuto insignificante di molecole cannabinoidi ed è utilizzato in campo alimentare per produrre semi, olio, farina, oppure per la produzione di bio-carburanti o materiali innovativi per la bio-edilizia, oltre a tessuti, carta, cordami, prodotti cosmetici.

Proprietà e Indicazioni
Le proprietà officinali della Canapa sono insite nei semi, edibili se decorticati, dal gradevole sapore di nocciola e di consistenza morbida e delicata.
I semi di Canapa (privi di THC) costituiscono un alimento di eccezionale valore nutrizionale, in quanto sono ricchi di acidi grassi polinsaturi, come l'acido linolenico (ALA), linoleico e alfa-linoleico, fondamentali per un buon funzionamento di muscoli, recettori nervosi e di molte ghiandole; gli acidi grassi Omega-3 e Omega-6 sono rappresentati secondo un rapporto proporzionale di 1:3, ottimale per il metabolismo umano.
I semi contengono inoltre tutti gli 8 aminoacidi essenziali (leucina, isoleucina, fenilalanina, lisina, metionina, treonina, triptofano e valina) basilari per la sintesi delle proteine, anch'essi in proporzione equilibrata per l'organismo dell'uomo. Sono ben rappresentate anche le vitamine, in particolare la vitamina B1 (tiamina), e la vitamina E dalla potente azione antiossidante, e sali minerali come ferro, potassio, magnesio e calcio.
Dai semi di Canapa si estrae, per spremitura a freddo, l'olio di Canapa, dalle proprietà antiossidanti naturali per l'alto contenuto di vitamina E, che protegge le membrane cellulari dall'attacco dei radicali liberi, evitandone l'ossidazione e l'invecchiamento precoce. L'olio contiene il più basso livello di grassi saturi rispetto agli altri oli alimentari, mentre il suo contenuto in acidi grassi Omega-3 e Omega-6 lo rende un valido presidio per mantenere livelli fisiologici di colesterolo. L'olio di Canapa è utilizzato in cucina per il suo sapore delicato con sentori di Noci e Nocciole, adatto anche all'alimentazione dei bimbi subito dopo lo svezzamento.
La farina di Canapa si ottiene dai semi dopo la spremitura che ne estrae l'olio: ha un basso contenuto di carboidrati, è ricca di fibre e di proteine ad alto valore biologico, poiché contengono tutti gli 8 aminoacidi essenziali; inoltre, è significativo l'apporto di arginina; contiene minerali quali potassio, magnesio, ferro, calcio, e un alto contenuto di Omega 3, vitamina B1 (tiamina), B2 (riboflavina), e vitamina E, altamente antiossidante. È un alimento ideale per i celiaci in quanto non contiene glutine.
Canapa


Condividi: