Consenso privacy
 
Home
|
Chi siamo
|
Prodotti
|
Informazioni
|
Biblioteca
|
Articoli
|
Erbario
|
Condizioni di vendita
|
Cestino
|
Cerca
|
Contatti
 
Muira puama

Muira puama

Il termine Muira-puama è il nome attribuito dagli Indios dell'Amazzonia alla pianta Ptycopetalum olacoides, appartenente alla famiglia delle Olacaceae, che annovera varietà di piante dalla distribuzione tropicale, con 25 generi e circa 150 specie. La Muira puama è un piccolo albero o arbusto cespuglioso che cresce fino a 5 metri di altezza, dalle foglie ovali color verde brillante sulla pagina superiore, marroncine in quella inferiore, con piccoli fiori bianchi intensamente profumati, che ricordano la fragranza del Gelsomino. Il nome indigeno deriva da due vocaboli indios che hanno il significato di legno-forte, legno-potente, verosimilmente per la durezza del suo legno, ma con probabile riferimento alle sue proprietà rinvigorenti. La pianta è originaria dell'Amazzonia brasiliana; qui le popolazioni indigene la utilizzano tradizionalmente come pianta medicinale, adoperando il decotto della corteccia di rami e radici come afrodisiaco, sia per uso interno, sia per semicupi. L'uso popolare le attribuisce anche proprietà antireumatiche, antinevralgiche, stimolanti per la digestione e toniche per il sistema nervoso centrale. In Europa il suo uso risale all'inizio del 1900.

Proprietà e Indicazioni
La Muira puama contiene sostanze resinose il cui principio attivo caratterizzante è la muirapuamina, una sostanza amara con azione vasodilatatoria periferica a cui si attribuisce un effetto afrodisiaco, che si esplica sia sull'organismo maschile, sia su quello femminile. Questa droga (ricordo che questo termine indica le parti di pianta in cui sono contenuti i principi attivi medicinali) è utilizzata tradizionalmente per combattere l'impotenza, sia assunta come integratore, sia tramite abluzioni dei genitali esterni. L'uso della Muira puama è quindi raccomandato primariamente come tonico con proprietà afrodisiache, sia per l'uomo sia per la donna. Altri costituenti di questa pianta officinale sono tannini, miscele di esteri, acidi grassi, tracce di olio essenziale. Il fitocomplesso, cioè l'associazione di tutti i principi attivi contenuti nella Muira puama, determina una sinergia di azione, che, oltre alla disfunzione erettile e al calo della libido, esercita effetti benefici su diverse problematiche: sulle atonie gastro-intestinali come digestivo-antidispeptico e nell'inappetenza; nell'atonia ovarica come antinevralgico contro i dolori mestruali; è inoltre antireumatico, energetico e stimolante in caso di astenia psicofisica, esaurimento e depressione, come antifatica e antistress. Per la sua bassa tossicità, l'uso della Muira puama può essere protratto da uno a tre mesi, senza che si verifichino effetti secondari, a meno che non ci sia una specifica e particolare sensibilità individuale.
Muira puama


Condividi: