Consenso privacy
 
Home
|
Chi siamo
|
Prodotti
|
Informazioni
|
Biblioteca
|
Articoli
|
Erbario
|
Condizioni di vendita
|
Cestino
|
Cerca
|
Contatti
 
Dalla Newsletter del Gennaio 2016
Tutti i nostri articoli
Versione stampabile

STIMOLARE LA MEMORIA E MANTENERE LA CONCENTRAZIONE CON RIMEDI NATURALI: UN AIUTO DALLA FITOTERAPIA PER GIOVANI, ADULTI, ANZIANI, SCUOLA, LAVORO


La memoriaLa memoria può essere definita come un processo mediante il quale tutti gli animali, incluso l'uomo, conservano le informazioni apprese tramite l'esperienza o attraverso percezioni sensoriali. Conoscere, seppure a grandi linee, i meccanismi che consentono di ricordare, o il perché molte esperienze vengono invece dimenticate, apprendere in definitiva alcune nozioni sulla "fisiologia della memoria" può aiutarci a migliorarla, insieme alle nostre prestazioni scolastiche e professionali, oltre che migliorare e arricchire i rapporti umani.

Possiamo riconoscere una "memoria sensitiva", che proviene dagli organi di senso, capace di trattenere solo per pochissimo tempo le informazioni: esse sono rapidamente scartate per circa il 75%; del rimanente 25%, residua solo l'1% che giunge fino all'area del linguaggio dell'encefalo, che lo conserva nella "memoria primaria" o "memoria a breve termine" (MBT), la cui capacità è limitata e in cui si verifica un rapido deterioramento di molte informazioni immagazzinate. Dalla memoria primaria, solo alcune informazioni vengono trasferite alla memoria a lungo termine (MLT), che viceversa conserva le informazioni sostanzialmente in modo stabile, con una durata che può variare da alcuni giorni fino a tutta la vita dell'individuo.
Il meccanismo della selezione dei nostri ricordi e della loro durata è piuttosto complesso: esso è localizzato in una zona profonda dell'encefalo denominata ippocampo, deputata a gestire le emozioni, i sentimenti, la percezione della realtà, i comportamenti relativi ai bisogni primari indispensabili per la sopravvivenza di un individuo, come procacciarsi il cibo, bere e mangiare, gestire gli stimoli sessuali legati alla riproduzione, amministrare i rapporti interpersonali e ambientali.
Da ciò si può dedurre che l'apprendimento o l'oblio di informazioni ed esperienze sono legati a numerosi fattori, sia cognitivi che emotivi, e sono notevolmente influenzati dalle motivazioni e da elementi affettivi, come le emozioni positive o negative, con un processo mentale attivo di memorizzazione, e non tramite un immagazzinamento automatico e passivo di dati. Un semplice esempio può chiarire questo concetto: quando a scuola una materia ci interessa e ci piace, la impariamo facilmente e la ricordiamo a lungo, mentre se al contrario la troviamo ostica o ne proviamo repulsione, sarà molto difficile ricordare anche i concetti basilari, che faremo grande fatica a memorizzare, e inoltre a distanza di breve tempo è alta la probabilità di dimenticarli.

Tenendo presente che non tutti gli individui hanno le stesse capacità mnemoniche, e che per certi versi possiamo considerare la memoria come una componente ereditaria, alcuni comportamenti possono tuttavia aiutarci a migliorare le nostre performance cognitive.
L'attività fisica quotidiana regolare, come una semplice camminata veloce per circa 40 minuti, può rallentare il calo mnemonico fisiologico legato all'avanzare dell'età, e perfino aumentare il volume dell'ippocampo, proprio quella parte filogeneticamente più antica del nostro cervello che abbiamo visto essere alla base del mantenimento dei ricordi.
La memoria può essere "allenata" e, quasi come un muscolo che con l'attività fisica viene potenziato, se essa è esercitata assiduamente anche mediante particolari tecniche di apprendimento, basate soprattutto sulle associazioni mentali e sulla creazione di immagini mentali visive che aiutano la memorizzazione, la si può migliorare e potenziare, mantenendola efficiente anche con l'avanzare dell'età. Per contro, esperienze psichiche fortemente traumatiche e sconvolgenti possono ridurre nel complesso la memoria, poiché sembra che inducano un ipofunzionamento cerebrale influenzato dagli ormoni dello stress.

La memoria nei bambiniIn particolare nell'infanzia e nell'adolescenza, alcuni comportamenti possono aiutare i bambini e i ragazzi a sviluppare la memoria, sia a breve che a lungo termine, consentendo più facili progressi scolastici. Una dieta equilibrata è fondamentale, e in modo particolare è indispensabile la colazione del mattino: essa fornisce al cervello il "carburante" che consente una migliore concentrazione e l'acquisizione di maggiori competenze. Recenti ricerche hanno messo in evidenza infatti che i bambini e i giovani che al mattino non fanno colazione, incontrano maggiori difficoltà nel richiamare alla memoria le informazioni acquisite.
Anche dormire un numero di ore adeguato all'età è determinante nel consolidamento della memoria e dell'apprendimento, così come le attività ludiche collegate allo studio aiutano ad imparare, perché provando piacere e divertendosi la memoria è maggiormente stimolata e motivata. E' ormai dimostrato inoltre che, utilizzando tecniche di memorizzazione creative si potenzia l'emisfero destro del cervello, proprio quello che presiede alle facoltà intuitive e creative, con un ampliamento dell'efficienza mnemonica.

Aronia melanocarpaI bambini e i giovani possono essere aiutati nel loro percorso di apprendimento, scolastico e non, con integratori naturali che assicurino i nutrienti indispensabili per fornire l'energia mentale e la concentrazione, che saranno utili nello studio e in tutte le fasi dell'apprendimento e che li aiuteranno nel corso della vita a costruire il loro bagaglio di conoscenze e competenze. Si possono rivelare vantaggiose integrazioni con succhi concentrati di particolari piante (fruttoligolisati) come l'Aronia, i Datteri, il Riso germogliato, che forniscono micro e macronutrienti quali oligoelementi, minerali, vitamine, aminoacidi essenziali, sostanze antiossidanti; e inoltre estratti di Soia, Pappa Reale, Miele, Polline, germe di Grano, Fieno greco, ottimi ricostituenti e rinforzanti dell'organismo e delle funzioni cerebrali, minerali come lo Zinco, che sostiene la normale funzione cognitiva, oltre ad aumentare le difese immunitarie, eventualmente associato all'Echinacea, dalle specifiche proprietà immunostimolanti; o ancora i succhi di Mirtillo nero, Sambuco, Mora, Acerola, Arance rosse, ricchi di vitamina C e antocianosidi, con spiccate proprietà antiossidanti, ricostituenti, immunostimolanti per accrescere le difese dell'organismo in crescita, ma che si rivelano utili anche nell'adulto e in età avanzata.

Memoria e stressIn periodi di particolare stanchezza e affaticamento fisico o mentale, o di superlavoro, può rivelarsi conveniente un'integrazione di vitamine del gruppo B, specie quando vi sia un apporto carente nella dieta abituale, per la loro azione essenziale nel metabolismo energetico dei carboidrati e di tutti gli altri nutrienti, in quanto favoriscono la loro trasformazione in energia. In caso di cali mnemonici infatti, specie in presenza di carenze alimentari dovute ad un'alimentazione scorretta, disordinata, povera di frutta e verdura, e quindi in particolare di minerali quali ferro, fosforo e di vitamine, specie quelle del complesso B, è consigliabile, oltre a cercare di razionalizzare l'alimentazione, somministrare integratori vitaminici dell'intero complesso vitaminico B, comprendente tutte le vitamine del gruppo, che, lavorando fra loro in sinergia, danno migliori risultati se assunte associate.
Inoltre, nelle situazioni di aumentata pressione psicologica con sovraccarico eccessivo per la mente, indotte spesso da forti tensioni emotive, stress, fluttuazioni dell'umore, eccesso di radicali liberi che accelerano l'invecchiamento cellulare, può essere vantaggiosa un'integrazione di alimenti nutraceutici quali le bacche di Schisandra, dall'azione tonica e adattogena utile in caso di affaticamento fisico e mentale, o i frutti del Goji, dall'attività antiossidante specifica per contrastare i danni progressivi causati dallo stress ossidativo e dall'invecchiamento delle funzioni mentali e visive, o la Bacopa, un classico rimedio della medicina ayurvedica, tradizionalmente utilizzato contro ansia e mancanza di concentrazione, per migliorare le facoltà intellettive, la capacità di elaborazione mentale e la memoria; o ancora il Matè e la Rodiola, specifici per contrastare la stanchezza fisica e mentale, come anche il Ginseng coreano e il Guaranà, utili per stimolare la vitalità dell'organismo in caso di studio o lavoro particolarmente intensi, con riflessi positivi sull'efficienza mentale e la capacità di ritenzione mnemonica.
EleuterococcoAnche la Melissa, una pianta da sempre apprezzata per le sue proprietà ansiolitiche e spasmolitiche gastrointestinali, di recente è stata riconosciuta valida anche per le sue notevoli proprietà antiossidanti, antiradicaliche, neuroprotettive, utili specificamente per contrastare i fattori che possono indurre disfunzioni della memoria, tali da facilitare l'evoluzione di malattie degenerative cerebrali.
Può essere utile l'integrazione con l'Eleuterococco, una pianta adattogena molto utilizzata in fitoterapia per favorire la fisiologica risposta che aiuta l'organismo ad adattarsi alle sollecitazioni di ogni giorno, aumentando il rendimento fisico e mentale, specie in presenza di stress, affaticamento, astenia psicofisica; e ancora la Salvia spagnola (Salvia hispanica), che produce i semi noti come semi di Chia, da cui si estrae un olio essenziale dai contenuti nutrizionali particolarmente preziosi, notevole in particolare la presenza di elevatissime quantità di acidi grassi Omega-3, che, oltre a mantenere bassi livelli di colesterolo e trigliceridi, hanno apprezzabili proprietà antiossidanti che aiutano a contrastare i radicali liberi e lo stress ossidativo cellulare, svolgendo un'utile prevenzione delle patologie neuro-degenerative.

La memoria negli anzianiNell'anziano si possono manifestare vuoti di memoria, difficoltà di concentrazione, stanchezza psicofisica, imputabili a probabili disturbi del sistema circolatorio, seppure fisiologici con l'avanzare dell'età, o ad accumulo di stress, depressione, ansia, o all'assunzione di alcune tipologie di farmaci, che possono accelerare il decadimento delle capacità cognitive.
Oltre a cercare di condurre una vita attiva anche dal punto di vista affettivo, con stimoli, scambi e interazioni sociali che aiutino a sostenere l'umore e a mantenere efficiente la memoria, è importante allenare la mente continuando ad eseguire calcoli, fare giochi di enigmistica, leggere: fattori che contribuiscono a mantenere allenata la memoria e a rallentarne il declino.
Con l'avanzare dell'età si può cercare di rallentare il decadimento cognitivo con l'assunzione regolare di antiossidanti, come l'estratto di semi d'Uva, che protegge le cellule dallo stress ossidativo, o le alghe Klamath, ricche di pigmenti antiossidanti e dotate di una eccezionale completezza nutrizionale, che può rivelarsi utile in quanto l'alimentazione dell'anziano è talvolta carente, specie se vive da solo, eventualmente con l'apporto di integratori di nutrienti specifici, come l'olio di germe di Grano, ricco di minerali quali calcio, rame, manganese, fosforo, vitamine del gruppo B, vitamina E, che agisce anche da antiossidante, e la lecitina di Soia, che apporta fosfatidilserina e colina (o vitamina J, costituente dei fosfolipidi che compongono le membrane cellulari e il neurotrasmettitore acetilcolina), sostanze in grado di migliorare la trasmissione e la funzionalità dei segnali nervosi, la comunicazione fra i neuroni, stimolare le capacità cognitive, l'efficienza intellettuale, la memoria, o ancora l'olio di pesce, che potenzia la risposta dei neurotrasmettitori favorendo la funzionalità del sistema nervoso centrale.
Ginkgo bilobaTutti questi integratori nutraceutici possono rivelarsi utili in presenza di scarsa capacità di concentrazione, affaticamento fisico e mentale, scarsa lucidità, cattiva qualità del sonno, problemi di memoria.
In età avanzata è opportuno inoltre contribuire a migliorare la circolazione sanguigna, rendendola più fluida ed efficiente mediante integratori di Ginkgo biloba, una pianta particolarmente indicata per proteggere l'endotelio vascolare, cioè la parete più interna delle arterie, regolare e favorire il flusso sanguigno sia periferico che cerebrale, con un'azione antiaggregante piastrinica che può ridurre il rischio di coagulazione impropria (trombi) all'interno dei vasi sanguigni. Il Ginkgo biloba è consigliato in particolare in presenza di deficit dell'attenzione e della memoria, vertigini, ronzii auricolari. Per la sua proprietà anticoagulante, il Ginkgo biloba è controindicato se si assumono già farmaci fluidificanti del sangue.

Dott.ssa Marina Multineddu

Trovate i nostri prodotti utili per la memoria e la concentrazione nelle sezioni:
Prodotti per l'efficienza fisica e mentale: memoria, concentrazione, stress
Prodotti energetici e tonificanti
Integratori antiossidanti
Vitamine, oligoelementi, sali minerali
Prodotti specifici per i bambini
Integratori di grassi essenziali Omega

Condividi:


Indietro       Torna su