PROMOZIONE BLACK WEEKEND!
usa il codice sconto BLACKFRIDAY22 su un ordine di almeno 50 euro e avrai uno sconto minimo del 20% su tutto il catalogo!
(Non cumulabile con altre promozioni in corso)

Autorizzo trattamento dati (informativa)
 
HOME
|
CHI SIAMO
|
PRODOTTI
|
INFORMAZIONI
|
BIBLIOTECA
|
ARTICOLI ERBORISTICI
|
ERBARIO
|
CONDIZIONI DI VENDITA
|
CESTINO
|
CERCA
|
CONTATTI
 
Alga Aosa

Alga Aosa

L'alga Aosa, Ulva lactuca, conosciuta anche col nome di Lattuga di mare, è un'alga verde appartenente alla classe delle Cloroficee (Chlorophyceae) e alla famiglia delle Ulvaceae, diffusa in tutto il mondo, alta fino a 30 centimetri, classificata da Carlo Linneo nel 1753. E' molto comune nel Mediterraneo e nei mari freddi o temperati.
Il tallo, cioè il corpo della pianta, presenta una fronda estesa costituita da sottili foglie lamellari, appiattite e laminari (filloide), di colore verde brillante, traslucida e membranosa, coriacea, che aderisce al substrato su cui si forma e vive mediante un peduncolo elicoidale, tuttavia in condizioni molto riparate da correnti e forti venti, le piante staccatesi dal substrato possono continuare a crescere, formando vaste comunità fluttuanti.
L'alga Aosa vive nella fascia costiera marina compresa fra il livello di bassa marea e quello di alta marea (livello intertidale), ma anche in habitat salmastri nel livello litorale superficiale, e negli estuari dei fiumi, in presenza di substrati adatti.
Il nome di Alga Aosa è stato assegnato all'Ulva lactuca dai Giapponesi, che la utilizzano come alimento per zuppe e insalate, anche essiccata e ridotta in polvere. Viene consumata come alimento anche in Scozia, Scandinavia, Danimaraca, Irlanda e Indonesia.
In Italia è utilizzata per un piatto tipico napoletano, le "Zeppolelle di mare" o "Frittelle di Alghe".

Proprietà e Indicazioni
L'Alga Aosa vive nell'ambiente marino da cui trae i minerali e gli oligoelementi e rappresenta una ricca fonte di calcio e magnesio, che contiene in proporzioni bilanciate e biodisponibili, utili per modulare il corretto assorbimento del calcio da parte del magnesio, regolare la contrazione muscolare ottimizzandola e preservando dai crampi, proprietà indicata particolarmente a chi fa sport per ridurre i tempi di recupero, ed esercitare un influsso benefico in presenza di tendiniti, dolori muscolari e articolari.
Come fonte di magnesio è utile in caso di stress, fisico e mentale, affaticamento dell'organismo che consuma grandi quantità di magnesio; con una integrazione mirata di alga Aosa si possono ridurre le problematiche correlate alla sua carenza: riequilibrare il sonno disturbato, ridurre stati ansiosi, irritabilità e stanchezza cronica.
Contiene inoltre ferro, rame, zinco, fosforo, selenio, manganese, zolfo.
La sua ricchezza nutrizionale include anche carotenoidi, clorofilla, vitamine, inclusa la B12, aminoacidi essenziali e non essenziali, istidina (aminoacido essenziale per i bambini), e acidi grassi essenziali Omega-3.
Pertanto è particolarmente raccomandata nella dieta vegetariana e vegana, e come integrazione nella dieta quotidiana e dello sportivo.
Ulva lactuca rappresenta inoltre una fonte principale di polisaccaridi come l'Ulvano, estratto dalle pareti cellulari dell'alga, dotato di struttura e proprietà funzionali come antiossidanti e anticoagulanti.
E' utilizzata anche nei trattamenti cosmetici, per il suo contenuto in polisaccaridi costituiti da una proteina ricca di prolina, glicina, lisina, che le conferiscono proprietà elasticizzanti simili all'elastina naturale, contrasta l'enzima elastasi (che scinde l'elastina), e stimola la sintesi di collagene. La sua composizione inoltre esercita un effetto detossinante sulle cellule epiteliali favorendo la lipolisi, cioè la scissione dei grassi all'interno dell'adipocita (la cellula adiposa).
Di recente gli estratti algali funzionali come l'Ulvano (e anche carragenina e alginato) sono stati utilizzati in aggiunta alle diete dei pesci nell'acquacoltura marina, per i loro effetti immunostimolanti in grado di migliorare il sistema immunitario, riducendo il rischio di infezioni e consentendo di limitare l'uso di antibiotici.
Alga Aosa



Condividi:FacebookTwitterwhatsapp